Vado a vivere a Rovistamente

Vai a rovistamenteAvete letto bene, sì. Un buon webmaster lo saprebbe: non è bello trasferire un sito in un altro dominio, si rischia di perdere lettori e roba del genere. Io non sono un buon webmaster e di wordpress ne capisco come di biotecnologia, quindi lo faccio. Ho conosciuto i ragazzi di Rovistamente, un gruppo affiatato, coeso e, cosa molto più importante, pieno di ragazze single che non cercano una relazione seria, per cui prendo armi e bagagli e mi trasferisco.

Cosa succederà a cattiveidee.wordpress? Lo terrò in piedi fino a dicembre, con tutti i contenuti, poi lo reindirizzerò. A proposito, il nuovo Cattive Idee, sotto l’egida di RovistaMente è già onlain e i primi due articoli sono già usciti:

Le 100 cose da non fare alle primarie PD

La pornofavola delle due fatine e dello studente comunista

Detto questo, vi aspetto sul nuovo sito. Statemi bene e non mangiate troppo durante le feste, piuttosto bevete molto alcol e mandate messaggi strazianti a tutte le ragazze che conoscete come faccio io.

Carlo “Alienone” Vanin

Annunci

Le 100 cose da NON fare quanto ti fanno papa.

ATTENZIONE: questo “articolo” è ovviamente di un’indecenza tale che qualsiasi buon cristiano sarebbe scomunicato all’istante solo leggendo le prime 10 cose da non fare. I seguenti soggetti sono caldamente consigliati di astenersi dalla lettura: persone che non sanno leggere, credenti in qualsiasi cosa dopo la morte che non sia Sasha Grey, persone particolarmente soggette all’epistassi, angeli, troni, dominazioni, virtù, arcangeli, cherubini, serafini, ecclesiastici di qualsiasi tipo, abitanti di Liettoli, miti, persone alla ricerca di una verità superiore, ipertesi, consumatori abituali di sostanze oppiacee. Aggiungo inoltre che non mi avvalgo del diritto di satira in questo articolo perché chi vi dice che si sta avvalendo del diritto di satira è una persona che come me vuole scrivere cose brutte su persone importanti e, va bene, sì, la definizione di satira è proprio questa ma siccome voi e io abusiamo di questo diritto quando ci passa per la testa di dire un po’ di parolacce a caso allora non mi va di nascondermi dietro al dito medio. Per chi volesse intentarmi causa: grazie, mi farebbe comodo così poi scrivo un libro.
In ogni caso cercate sempre di volervi bene, anche a bastonate se è il caso. Continua a leggere

L’oroscopone di Alienone per l’anno 2013

È cominciato un altro anno, anche se il calcolo del tempo è completamente sbagliato per colpa della chiesa, noi dobbiamo far finta di celebrare con botti, mangiate, bevute e qualche scopata. Bé, allora direi che la mia vita è un ultimo dell’anno costante, fatta eccezione per i botti. A parte questo, recentemente ho installato nel mio computerone un software che mi permette di ottenere degli oroscopi precisi al 99, 9% tenendo conto però che l’ultimo 9 è periodico. Già ci avevo provato tanto tempo fa ma non disponevo né del succitato software, né della voglia, né della lucidità mentale necessaria. Stavolta ho fatto in modo che tutto fosse a posto, soprattutto nella mia testa e vi ho tirato fuori forse il miglior oroscopo che potrete mai leggere. Mi rivolgo a voi che accendete la tv all’ora di pranzo per vedere Paolo Fox: desistete, qui trovate il meglio del meglio della lettura astrale. Ecco a voi, segno per segno, l’oroscopone di Alienone per il 2013, approvato dalla Cicap, dalla Lipu e da Kofi Annan in persona.

Continua a leggere

Prossimi aggiornamenti di Cattive Idee e Festival Sugarpulp

Oh, benone. Salve a tutti: sono le 7.35 e comincia un nuovo giorno nel Villaggio Pinguino. Dopo aver fatto sogni tumultuosi e labirintici per tre o quattro ore mi sono svegliato e ho un po’ messo mano al sito. Ho fatto un bel restyling al mio post epico Le 50 cose da dire e le 50 da non dire eccetera eccetera (ha raggiunto 4k+ condivisioni/like!) e ho aggiornato la sezione Cattivo Me, visto che ho notato che qualcuno di voi la cliccava anche se non so il perché. Vabbé.

Dunque, la recensione di Prometheus che vi avevo anticipato è slittata di un po’ perché ho cominciato a scriverla e sono arrivato a 20 cartelle dattiloscritte. Come sapete qui siamo in internet e le cose devono essere brevi, incisive e fulmicotonanti quindi non so se sia il caso di pubblicare una rece così lunga. Magari sì ma vedrò. In ogni caso qualcosa di sicuro la dico questa settimana. Per il resto, come al solito metterò qualche raccontino periferico e prometto che lavorerò ad un’altra edizione di “Le 100 cose da non fare”. Oddio, mi è quasi venuto lo sghiribizzo di scrivere la seconda parte delle 50 cose da dire e non dire alla biennale, tanto per mungerla fino in fondo quella vaccaccia.

In ogni caso per questa settimana non aspettatevi grandi cose, anzi: aspettatevele. In quanto membro eretto di Sugarpulp volevo invitarvi al Festival Sugarpulp 2012, arrivato al suo secondo anno, che si terrà al Centro Culturale  San Gaetano di Padova tra il 28, il 29 e il 30 settembre. Tre giorni di incontri, tavole rotonde (ma anche calde), incontri con scrittori e disegnatori italiani e internazionali, workshop, happening e sesso estremo. L’entrata è libera, il divertimento è assicurato, il sesso estremo un po’ meno. Scorreranno fiumi di parole e birra, si incontreranno grandi maestri della letteratura e del disegno e poi si farà combriccola fino a tarda notte. Per qualsiasi info meglio che andiate a visitare il sito del festival perché se comincio io, poi non è più finita.

Tutto questo per dire: sarò parecchio occupato e non so quando e quanto riuscirò a postare. Però qualcosa farò, questo è promesso. Magari scriverò le 100 cose da non fare al festival Sugarpulp. Vedremo!

Altra cosa, come potete leggere in Cattivi Appuntamenti, stasera se volete picchiarmi mi trovate a questo evento qui creato appositamente per noi di Sugarpulp dalle abili mani della Señora Spritz Letterario. Esporrà le sue opere l’amico artista Carlo Strano e, in definitiva, cercherò di non bere smodatamente ma mi fermerò leggermente prima.

Statemi bene e non fate quello che farei io. A bientot!

PS: al Festival ci sarò pure io, in veste d’autore per la prima volta col mio romanzo Mirko e il Mostro e col collettivo di scrittori folli di TSD! Ne abbiamo preparato delle belle. Anzi, probabilmente ci cacceranno da Padova per quello che abbiamo in serbo ma fa niente. Tanto io abito da un’altra parte.